Quote rosa si, quote rosa no?

6 Nov

Bruxelles

Ieri il governo spagnolo ha bloccato la proposta del Presidente del Consiglio Europeo di nominare attraverso una procedura scritta richiedente l’unanimità il lussemburghese Yves Mersch al Comitato Esecutivo della Banca Centrale Europea. I motivi per spiegare il veto spagnolo vanno forse al di là della richiesta proveniente dal Parlamento Europeo di candidare una donna nell’organo esecutivo della Bce per “evitare un organo di soli uomini”.

Le quote di genere fanno discutere, in Italia come in Europa.

Tuttavia, questa vicenda desta ulteriori perplessità se si pensa alle difficoltà che sta riscontrando la proposta legislativa del Vice Presidente della Commissione Europea, Viviane Reding di imporre la presenza di 40% di donne nei consigli di amministrazione delle società quotate entro il 2020, con un‘anticipazione al 2018 per le società pubbliche (le PMI sarebbero escluse).

Già il 14 Settembre scorso, 9 Stati membri hanno scritto al Presidente della Commissione Europea José Manuel Barroso esprimendo la loro contrarietà nel lasciare alla Commissione la facoltà di intervenire legislativamente imponendo un obbligo di “quote rosa”. Ora è il turno del Collegio dei Commissari. Insomma, anche la Commissione Europea stessa non sarebbe allineata al proprio interno. Pertanto, la conferenza stampa nella quale doveva essere presentata la proposta di direttiva è stata annullata e tutto è rimandato al 14 Novembre.

Il tutto si conclude con un nulla di fatto? Aspettiamo a dirlo. Certo, l’amaro in bocca rimane perché questo segnale negativo viene proprio da un’istituzione che fa delle pari opportunità una delle sue bandiere.

  • Approfondimento: sulla questione delle donne nel mercato del lavoro vi segnaliamo anche uno studio molto interessante di McKinsey&Company “Dietro i numeri delle donne” sull’occupazione femminile come motore per rilanciare l’economia italiana
Annunci

2 Risposte to “Quote rosa si, quote rosa no?”

  1. di stefano 7 novembre 2012 a 9:01 AM #

    Certo c,è da essere perplessi se anche a livello europeo si presentassero ancora le solite discriminazioni. Non ci sarebbe speranza per una parità di diritti .Vedremo..

  2. %% 9 novembre 2012 a 9:32 AM #

    Sostegno alla proposta legislativa di Viviane Reding per introdurre quote riservate alle donne negli organismi direttivi delle imprese europee:

    http://www.change.org/it/petizioni/sostegno-alla-proposta-legislativa-di-viviane-reding-per-introdurre-quote-riservate-alle-donne-negli-organismi-direttivi-delle-imprese-europee?utm_campaign=petition_creator_email&utm_medium=email&utm_source=share_petition

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Giovani Italiani Bruxelles

Iniziativa indipendente volta a chiedere politiche concrete per i giovani italiani.

Keynes blog

Rassegna di idee per capire la crisi

amo il web, non ricambiato

Aneddoti e piccoli incidenti del mondo digitale italiano.

Pinterestitaly

Il blog italiano (non ufficiale) su Pinterest

Briciole in cucina

Storie da infornare

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

PERCENTUALE

DENTRO o FUORI?

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: