Il Doppio Discorso dei Tedeschi

25 Mag

Se ne parla (ancora) in Europa….

Mercoledì 22 Maggio, il Ministro delle Finanze tedesco Wolfag Schauble e il suo omologo portoghese, hanno firmato un accordo bilaterale per lottare contro la disoccupazione, che in Portogallo riguarda quasi 42% dei giovani del Paese.

Non si sanno ancora i dettagli, ma quello che emerge è che la Banca di Sviluppo tedesca KFW aiuterà il Portogallo a creare la propria istituzione bancaria per affrontare il problema attraverso uno strumento  che utilizzerà i capitali privati per aiutare le piccole e medie imprese in difficoltà. Un’iniziativa simile sarà conclusa anche tra Berlino e Parigi a metà della settimana prossima.

E mentre Schauble firma, la lungimirante (e vicina alle elezioni) Frau Merkel dichiara a Bruxelles che la Germania si impegnerà affinché sia raggiunto, entro la fine dell’estate, un accordo con il Parlamento Europeo per concludere i negoziati sugli strumenti per combattere la disoccupazione giovanile.  A questo proposito, il 3 Luglio, la Germania accoglierà i ministri e le agenzie del lavoro europei per seguire la tematica.  L’urgenza è molta dato che il budget di 6 miliardi di euro è già stato trovato.

Ci sono i soldi, ma mancano le idee…anomala situazione per la Euro-bubble.

Disoccupazione, problema europeo.

Emerge dunque che la Germania sta portando avanti sia il capitolo bilaterale che quello multilaterale in Europa. Ha capito che la politica dell’austerità non paga più ( e probabilmente non la farà rieleggere) e deve rifarsi un’immagine nei paesi che ha trattato da lassisti. Ha forse anche capito che l’immigrazione è meglio scegliersela e che gli anni dell’immigrazione delle “sole braccia” sono conclusi. Ora, in Germania, arrivano “cervelli” , anche molto qualificati, e non sarà un caso se i Goethe Istitutes stanno spuntando come funghi anche in Italia.

Ma non sarà questa un’altra mossa per spingere più verso il baratro i c.d.  paesi”PIGs”. Se  queste forme di “brain drain” ( cioè di acquisizione dei cervelli) sono istituzionalizzate, di fatto, non condanniamo ancora di più il declino di quei paesi, penalizzati già da qualche anno, dalle politiche di austerità?

O forse invece, non sarà questa l’Europa della quale tanti parlano: divisione del lavoro anche per i paesi. Migrazioni SUD-NORD perché li c’è lavoro, e flusso inverso (NORD-SUD), magari durante l’estate,  perché questi paesi sono solo sinonimo di buon cibo e di vacanze?

Saremmo mica veramente condannati a soli “pizza e mandolino”?

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Giovani Italiani Bruxelles

Iniziativa indipendente volta a chiedere politiche concrete per i giovani italiani.

Keynes blog

Rassegna di idee per capire la crisi

amo il web, non ricambiato

Aneddoti e piccoli incidenti del mondo digitale italiano.

Pinterestitaly

Il blog italiano (non ufficiale) su Pinterest

Briciole in cucina

Storie da infornare

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

PERCENTUALE

DENTRO o FUORI?

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: