Archivio | TECNOLOGICAMENTE GIOVANI RSS feed for this section

Ricordatemi Perchè Vivo all’Estero

5 Set

NoBordersMagazine ha appena concluso un mese di post dedicati agli italiani che vivono all’estero. Da Parigi a New York, da Sydney a Copenhagen passando per il Lussemburgo giovani italiani raccontano di se sulla rubrica “la mia vita a”.

Molte le sensazioni e i punti di vista. Per approfondire andate su: http://www.nobordersmagazine.org/2013/09/perche-vivere-all-estero-e-meglio/

Annunci

Digitalmente Liberi o Formalmente Limitati?

15 Apr

Immagine

In un mondo dove un terzo della popolazione mondiale è online qual è lo stato della libertà di espressione virtuale e chi sono i principali internauti?

Secondo Freedom House e Reporters Without Borders, l’Italia è un Paese parzialmente libero in termini di libertà di espressione e di stampa. Tuttavia, in merito ad Internet non si riesce ancora a trovare una posizione condivisa. Lo scenario italiano si presenta spaccato in due. Da una parte, coloro che sostengono la necessità di impostare dei confini al mare magnum di informazioni che circolano ogni giorno in rete e dall’altra coloro che sostengono e difendono il principio di libertà e di trasparenza che ha contraddistinto da sempre questo mezzo di comunicazione rispetto agli altri .

Secondo Andrea Cairola e Corrado Druetta, fellow del Centro Nexa di Torino e coautori del “Libro bianco sulla libertà di espressione online in Italia”, la libertà di espressione nel web è condizionata da privacy, reputazione, morale, proprietà intellettuale e informazioni confidenziali. In tal senso, continuano i due ricercatori, il punto cruciale potrebbe essere rappresentato dall’innescare un processo di alfabetizzazione digitale in grado di suscitare una maggiore consapevolezza rispetto a questi temi.

Su questo argomento, per provare a riflettere sul binomio “Internet e Democrazia”, il Centro Nexa propone una serie di incontri in occasione dell’edizione 2013 della Biennale Democrazia che si sta svolgendo a Torino in questi giorni (dal 10 al 14 aprile).

E chi sono gli internauti in Italia?

Circa una ricerca Demos&Pi, sono i giovani nativi digitali.

Oltre a blog, social network e film in streaming, in sette casi su dieci utilizzano quotidianamente internet per informarsi. In particolare, il 74% di chi ha un’età compresa tra 15 e 24 anni e il 63% di quelli tra 25 e 34 anni dichiarano che per informarsi utilizzano internet “tutti i giorni”. La ragione principale di questo fenomeno è determinata dall’idea che Internet sia lo strumento più libero e indipendente nel quale reperire informazioni.

Quanto alla differenza di genere nell’utilizzo delle tecnologie, secondo una ricerca dell’Istat, è molto contenuta fino ai 35 anni. A seguire il divario cresce proporzionalmente all’età.

Unica certezza è la continua estensione di questo approccio che viene accelerato dalla maggiore disponibilità di dispositivi mobili e dalla facilità di accesso alle numerose reti Wi-Fi.

DuemilaeCredici: la questione sociale, il futuro in Europa e l’attenzione ai giovani

2 Gen

La questione Sociale. Per il Presidente Napolitano, “dobbiamo parlare non più di ‘disagio sociale’, ma come in altri momenti storici, di una vera e propria questione sociale da porre al centro dell’attenzione e dell’azione pubblica”. E ha continuato: “È una questione sociale, e sono situazioni gravi di persone e di famiglie, che bisogna sentire nel profondo della nostra coscienza e di cui ci si deve fare e mostrare umanamente partecipi. La politica, soprattutto, non può affermare il suo ruolo se le manca questo sentimento, questa capacità di condivisione umana e morale.

La questione Europa. Per il Capo dello Stato, “uscire dalla recessione, rilanciare l’economia, è possibile per noi solo insieme con l’Europa, portando in sede europea una più forte spinta e credibili proposte per una maggiore integrazione, corresponsabilità e solidarietà nel portare avanti politiche capaci di promuovere realmente, su basi sostenibili, sviluppo, lavoro, giustizia sociale. L’Italia non è un paese che possa fare, nel concerto europeo, da passivo esecutore ; è tra i paesi che hanno fondato e costruito l’Europa unita, e ha titoli e responsabilità per essere protagonista di un futuro di integrazione e democrazia federale, che è condizione per contare ancora, tutti insieme, nel mondo che è cambiato e che cambia.

La questione Giovani. Il Presidente della Repubblica si è rivolto ai giovani: “Sono loro – ha detto – che hanno più motivi per essere aspramente polemici, nel prendere atto realisticamente di pesanti errori e ritardi, scelte sbagliate e riforme mancate, fino all’insorgere di quel groviglio ed intreccio di nodi irrisolti che pesa sull’avvenire delle giovani generazioni. I giovani hanno dunque ragioni da vendere nei confronti dei partiti e dei governi per vicende degli ultimi decenni, anche se da un lato sarebbe consigliabile non fare di tutte le erbe un fascio e se dall’altro si dovrebbero chiamare in causa responsabilità delle classi dirigenti nel loro complesso e non solo dei soggetti politici. Importante è che soprattutto tra i giovani si manifesti, insieme con la polemica e l’indignazione, la voglia di reagire, la volontà di partecipare a un moto di cambiamento e di aprirsi delle strade. Perché in fondo quel che si chiede è che si offrano ai giovani delle opportunità, ponendo fine alla vecchia pratica delle promesse o delle offerte per canali personalistici e clientelari. E opportunità bisogna offrire a quanti hanno consapevolezza e voglia di camminare con le loro gambe : bisogna offrirle soprattutto attraverso politiche pubbliche di istruzione e formazione rispondenti alle tendenze e alle esigenze di un più avanzato sviluppo economico e civile”.

Una Opportunità di Lavoro in un Tweet

4 Dic

v65oai7fxn47qv9nectxSe Linkedin ci offre una vetrina professionale, è già notizia il “twesume” su Twitter (un mix tra le parole Twitter e Resume). 140 caratteri per riassumere competenze ed esperienze. Il vecchio #curriculum sembra ancora avere la meglio, ma è in crescita l’hashtag #twesume.

Per approfondire e sfruttare tutte le potenzialità di questo social network, guarda:

ISTRUZIONI PER L’USO:                                         http://www.youtube.com/watch?v=J0xbjIE8cPM

SVILUPPA IL TUO BUSINESS on Twitter: http://www.youtube.com/watch?v=3e5H9b9IM_Q&feature=BFa&list=UUpg-U3_G3ZVck6QO6uhW_OA

SE SEI NEGATO:                                                         http://www.youtube.com/watch?v=sh4O6DRs26M&feature=BFa&list=UUpg-U3_G3ZVck6QO6uhW_OA

100%: Percentuale

18 Ott

Immagine

Percentuale di gradimento, percentuale di disoccupati, percentuale di insoddisfazione, percentuale di laureati, percentuale di acqua nel corpo, percentuale di immigrati, percentuale di bianchi, percentuale di italiani, percentuale di vinti, percentuale di morti, percentuale di mussulmani, percentuale di invalidità civile, percentuale di CO2, percentuale di incremento, percentuale di decrescita, percentuale di scioperi, percentuale di malati, percentuale di matrimoni, percentuale di omosessuali, percentuale di turisti, percentuale di giuristi, percentuale di aborti, percentuale di divorzi, percentuale di nascite, percentuale di astenuti..

Incastrati in un mondo di percentuali, ci barcameniamo nei conti e nelle previsioni, proprio io che a matematica ero una schiappa. Si perché, non è importante l’attitudine al calcolo quanto lo spirito di osservazione che ci è richiesto nell’interpretare, discutere e confutare dati su dati.

E quindi si dia inizio all’analisi!

Giovani Italiani Bruxelles

Iniziativa indipendente volta a chiedere politiche concrete per i giovani italiani.

Keynes blog

Rassegna di idee per capire la crisi

amo il web, non ricambiato

Aneddoti e piccoli incidenti del mondo digitale italiano.

Pinterestitaly

Il blog italiano (non ufficiale) su Pinterest

Briciole in cucina

Storie da infornare

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

PERCENTUALE

DENTRO o FUORI?

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: